d
t
m

Profili di sviluppo nell’apprendimento precoce delle lingue straniere a scuola

Strumenti di valutazione come legame tra standard, programmi scolastici, insegnamento e apprendimento
Settore: 
Insegnamento e apprendimento delle lingue, valutazione delle competenze linguistiche
Direzione del progetto:

Supervision: Thomas Studer, Wilfrid Kuster, Mirjam Egli (PHSG), Gé Stoks (SUPSI/DFA)

Durata: 
da 01.2012 a 12.2014

Anna Kull, Thomas Roderer (PHSG), Daniela Kappler (SUPSI/DFA)

Stato: 
Completato
Descrizione: 

In collaborazione con l'Alta scuola pedagogica di San Gallo (PHSG) e la Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana (SUPSI)

Il progetto “Profili di sviluppo nell’apprendimento” vuole contribuire allo sviluppo e all’introduzione di strumenti di valutazione e diagnostici computerizzati per l’apprendimento. Questi strumenti contribuiranno a: facilitare l’osservazione degli sviluppi rilevanti (cfr. Learning Progressions in altri ambiti) negli ambiti riguardanti l’insegnamento delle lingue straniere e registrarli su supporti informatici; fornire e registrare feedback utili all’apprendimento per gli allievi e per gli insegnanti sul computer.

Finalità – Risultati attesi: 

In una prima fase, il progetto aveva analizzato gli ambiti di competenza che, secondo il piano di studi e altre politiche di formazione, sono importanti ma difficili da valutare soprattutto mediante compiti computerizzati: la produzione orale e le strategie per l’apprendimento linguistico. Un’altra parte del progetto aveva analizzato la disponibilità degli insegnanti ad adoperare strumenti di valutazione computerizzati come quelli menzionati in precedenza. 

Un obiettivo principale del progetto era di continuare a sviluppare il software per i test e l’attuazione dei compiti con particolare attenzione alla registrazione e alla valutazione (manuale) delle produzioni orali degli allievi. Questa parte della ricerca è stata condotta in collaborazione con il “German Institute for International Educational Research (DIPF)”. L’ampliamento del software per i test CBA Item Builder è attualmente disponibile anche per altri utenti.

Durante il progetto è stato necessario modificare l’obiettivo di sviluppare e verificare i compiti per la produzione orale per gli allievi delle elementari. I bambini di questo livello scolastico riuscivano a fatica a comunicare in francese senza una lunga preparazione precedente, le modalità di attuazione e gli obiettivi sono dunque stati modificati di conseguenza. Sono stati scelti elementi di comunicazione ampiamente discussi durante le lezioni e pertanto già assimilati dagli allievi. In questo contesto e in seguito a un sondaggio presso gli insegnanti, è stato compilato un catalogo di espressioni tipiche adoperate durante le lezioni di francese. L’unità di studio “produzione orale” è stata ribattezzata “competenze orali” per includere anche le competenze ricettive. Sono stati creati anche compiti inerenti gli elementi di comunicazione orale (con particolare enfasi sul vocabolario orale e di produzione e la comprensione orale).

Nell’ambito delle strategie di apprendimento linguistico summenzionate in un primo tempo è stata studiata la letteratura specializzata alfine di definire meglio il costrutto. In seguito è stato possibile sviluppare i relativi strumenti di registrazione e verificarne il funzionamento nelle scuole elementari. 
Sono anche stati realizzati compiti su tre aspetti, chiaramente delimitati, delle strategie per l’apprendimento. 
1. Uso individuale delle strategie di apprendimento 
2. Conoscenze da parte degli alunni delle strategie per l’apprendimento linguistico e del loro effetto su determinati compiti di apprendimento 
3. Conoscenze individuali metacognitive riguardanti la propria capacità di apprendimento linguistico (autovalutazione prima dell’elaborazione del compito: judgement of learning) ovvero l’attitudine alla valutazione metacognitiva delle prestazioni linguistiche (autovalutazione dopo l’elaborazione del compito: confidence judgement) 

I risultati dell’indagine “Profili di sviluppo nell’apprendimento” sono già stati utilizzati per altri progetti.