d
t
m

Questioni sulle lingue e indagini statistiche (2ª parte)

Settore: 
Plurilinguismo istituzionale e sociale

Lina Bartels

Durata: 
da 01.2016 a 12.2017

Bettina Blatter

Stato: 
In corso
Descrizione: 

L’obiettivo di questo progetto è di condurre un’analisi dettagliata delle sfide nei censimenti delle lingue in Svizzera condotti dal XIX secolo e di comprendere meglio il posto occupato da tale strumento nel paesaggio politico elvetico. Questo progetto permetterà anche di accompagnare l’Ufficio federale di statistica (UST) nello sviluppo degli strumenti dei futuri censimenti e contribuire così a una migliore considerazione delle realtà sociolinguistiche nell’elaborazione dei questionari tematici sulle lingue.

Il progetto si appoggerà da una parte su delle fonti storiche, dall’altra su dei dati etnografici e interazionali rilevati nel quadro di un precedente progetto del CSP, durante lo svolgimento dell’ILRC 2014 («Indagine sulla lingua, la religione e la cultura» dell’UST). Il progetto analizzerà la genesi e la storia dei censimenti delle lingue in Svizzera e soprattutto dell’ILRC (modulo « lingua»), le questioni e le categorie linguistiche prese in considerazione come pure la ricezione dei risultati negli ambienti politici, accademici e più in generale nello spazio pubblico.

Finalità – Risultati attesi: 

Questo progetto è di grande interesse sociolinguistico, in particolare in termini di comprensione dei discorsi e delle pratiche concernenti i censimenti delle lingue, i quali rivelano il nostro rapporto con le lingue e contribuiscono all’implementazione delle politiche linguistiche. Offrirà inoltre una prospettiva inedita ad altre discipline, in particolare ai politologi e agli storici che lavorano con dei dati estratti dai censimenti linguistici.

Oltre un rapporto finale (incluso l’Executive Summary) si prevede di pubblicare degli articoli scientifici (in particolare un numero speciale del «International Journal of the Sociology of Language» sulla questione dei censimenti delle lingue nel mondo) e di organizzare due seminari (in collaborazione con l’UST), con dei sociolinguisti e degli specialisti internazionali della demografia linguistica.

È inoltre prevista la pubblicazione di una rassegna bibliografica sullo state attuale della ricerca.